Notice: Undefined variable: clientIsMobile in /var/www/vhosts/galleriaalbertosordi.it/httpdocs/template/comuni/script.php on line 23
ITA | ENG
Dove siamo
Informazioni Utili
Pubblicità

GALLERIA ALBERTO SORDI Mostre Children on the move, il photo contest rivolto ai bambini e per i bambini. Dal 20 al 22 novembre alla Galleria Alberto Sordi di Roma

dal 20/11/2017 al 22/11/2017
Children on the move - Il tuo mondo in uno scatto è il titolo del Contest Fotografico lanciato da FMSI in occasione del suo decimo anno di attività: un concorso rivolto a tutti i bambini delle missioni mariste sparse per il mondo, dall'Africa all'America Latina, dall'Asia all'Europa sul tema dei bambini in movimento (profughi, tragitto casa-scuola, migrazioni...). Numerosissimi gli scatti inviati: le 16 fotografie più belle saranno esposte il 20 novembre nella Galleria Alberto Sordi a Roma, in concomitanza con la giornata mondiale dei Diritti del Bambino.
"Siamo testimoni - recita il sito FMSI -  nel mondo di oggi, di un livello di mobilità umana senza precedenti. Più persone che mai in passato vivono in un paese diverso da quello di origine. I migranti sono presenti in ogni paese del mondo, la maggior parte di loro si sposta senza incidenti. Nel 2015, il loro numero ha superato i 244 milioni, crescendo ad un tasso superiore a quello della popolazione mondiale.Tuttavia, ci sono circa 65 milioni di persone che sono state costrette a spostarsi, inclusi 21 milioni di rifugiati, 3 milioni di richiedenti asilo e più di 40 milioni di sfollati interni. Questo il contesto mondiale che fa dei “bambini in movimento” una tematica estremamente attuale e dalle urgenti implicazioni, su cui FMSI si prefigge di promuovere il dibattito per arrivare ad una posizione condivisa di concerto con i soggetti autorevoli sia istituzionali che della società civile".
Punto centrale della riflessione della Fondazione è il diritto all’istruzione dei bambini in movimento. Il concorso è concepito come un progetto didattico che, a partire dalla quotidianità dei partecipanti li invita a riflettere sul drammatico tema dell’infanzia “in movimento”.