Notice: Undefined variable: clientIsMobile in /var/www/vhosts/galleriaalbertosordi.it/httpdocs/template/comuni/script.php on line 23
ITA | ENG
Dove siamo
Informazioni Utili
Pubblicità

GALLERIA ALBERTO SORDI Mostre Mostra personale del fotoreporter giapponese Yusuke Hishida

dal 11/03/2018 al 17/03/2018
Domenica 11 marzo 2018 alle ore 12:00 inaugura a Roma presso la Galleria, la mostra personale del fotoreporter giapponese Yusuke Hishida.
L'esposizione sarà aperta fino al 17 marzo.
Fotografie di un racconto che dura da ben 87 mesi, da cui il titolo dell'iniziativa. Alle 14.46 dell’ 11 Marzo 2011, lo tsunami colpisce con furia devastante la regione giapponese del Tohoku. Yosuke Hishida, è nativo di quei luoghi e sente l’urgenza di raccontare al mondo cosa sta accadendo.
La cronaca fotografica di Hishida non si limita a descrivere la distruzione seguita al tragico evento. Attraverso gli oggetti di uso quotidiano e i luoghi più frequentati, evoca impronte di vita che non ci sono più, ma al tempo stesso testimonia la speranza di chi è rimasto. L’emozione e la suggestione che scaturiscono dagli scatti di Hishida, confermano che la tragedia giapponese non riguarda solo questo paese, ma coinvolge i cittadini di tutto il mondo.
La mostra fotografica, organizzata da m&m mediaservices in collaborazione con la Fondazione Italia Giappone, con il patrocinio del Comune di Roma, dell’Ambasciata del Giappone in Italia e dell'Istituto Giapponese di Cultura, sarà introdotta dall’Ambasciatore Umberto Vattani e dall’Ambasciatore del Giappone in Italia, Keiichi Katakami.
 
Yosuke Hishida, nato a Tokyo nel 1972, è impegnato come fotoreporter in tutto il mondo. In seguito agli attentati terroristici del 2001, focalizza la sua attenzione sul rapido susseguirsi degli eventi storici, soprattutto in rapporto alle singole storie degli individui che li hanno vissuti.
Nella raccolta fotografica “Aru-hi” (Un giorno) racconta la vita quotidiana a  New York, in Afghanistan, in Iraq; nella città di Beslan fotografa la scuola divenuta teatro di guerra durante il conflitto ceceno.
Dopo il grande terremoto del Giappone orientale, insieme al critico Kotaro Izawa pubblica una raccolta di fotografie scattate appena dopo la catastrofe e nei tre anni successivi dal titolo “2011”.